M44 – L’ammasso aperto del Presepe

L’Ammasso del Presepe (latino præsepe, mangiatoia), noto anche come Ammasso Alveare o con le sigle di catalogo M44 o NGC2632, è un brillante ammasso aperto visibile nella costellazione del Cancro. È uno dei più vicini al sistema solare e contiene una ricca popolazione di stelle, più ampia di quelle di altri ammassi aperti vicini.
Le sue componenti più luminose sono di magnitudine 6 e 7 e sono perfettamente visibili con un binocolo anche dai centri urbani. L’età e il moto proprio sono paragonabili a quelli delle Iadi, suggerendo che entrambi gli ammassi abbiano un’origine comune; sia il Presepe sia le Iadi contengono inoltre delle giganti rosse e delle nane bianche, che rappresentano gli ultimi stadi dell’evoluzione stellare, più un gran numero di stelle di sequenza principale di classe A, F, G, K e M.
Stime sulla sua distanza forniscono cifre che variano fra i 550 e 610 a.l., mentre sull’età, stimata sui 580 milioni di anni.

Nella ripresa, oltre a M44, si notano moltissime galassie di sfondo!

Cieli sereni!

Regione di Barnard 3 a largo campo

Questa nuova ripresa raffigura una zona molto particolare. Nella zona centrale abbiamo in primo piano la neulosa oscura catalogata col numero 3 del catalogo di Barnard, che occupa buona parte del campo insieme alle nebulose oscure LDN 1468 e LDN 1470. La presenza di una regione di idrogeno ionizzato ci fa rendere immediatamente conto di come quest’ultima si trovi in qualche modo “dall’altra parte” di B3, in quanto quest’ultima riesce ad attenuare, nelle sue regioni più dense, la radiazione H-alfa che proviene da LBN 749.

Nella zona a sinistra in basso della foto possiamo invece notare la nebulosa a riflessione IC348 e le nebulose LBN 758 e LBN 601. Queste nebulose devono la loro luce blu alla radiazione emessa dalla stella Omi Per (Atik).

Nonostante la densità di polveri presenti nella zona, è possibile identificare alcune lontane galassie, appartenenti al catalogo PGC; la più notevole è PGC 1921731, del diametro apparente di un primo d’arco.

I dettagli tecnici di ripresa e la versione a risoluzione più alta li trovate al link della foto

Cieli sereni

Barnard 3 Region

Eccomi con una nuova ripresa, questa volta della regione nebulare attorno alla nebulosa oscura catalogata come Barnard 3. Si tratta di una compositazione LRGB a cui ho aggiunto delle riprese H-alfa per meglio evidenziare come la regione ad emissione sia prospetticamente “dietro” la nebulosa oscura.

Come sempre attendo i vostri commenti!

Cieli sereni a tutti!

M57, la nebulosa anulare della Lira

Unica ripresa di quest’estate dall’Elijah Observatory, è un RGB-Halfa-OIII. Come test ho deciso di provare a effettuare tutte le riprese in binning 2: dal punto di vista della risoluzione non cambia niente in quanto sto comunque sovracampionando dal punto di vista del seeing; volevo capire se lavorando in binning 2 ci fosse qualche vantaggio in fase di elaborazione per via del superpixel.

Quello che ho notato, ma farò ulteriori prove in merito, è che non ci sono facilitazioni in fase di elaborazione, anzi, ho avuto dei problemi di flat: nemmeno utilizzando i flat eseguiti al tramonto sono riuscito a compensare per alcuni riflessi interni residui.

Nonostante tutto la foto non è venuta male, anche se ho dovuto effettuare diverse prove per riuscire a coniugare la parte centrale RGB, molto luminosa, con gli anelli h-alfa esterni che sono molto più deboli.

Cliccando sulla foto, sarete diretti al mio sito con le info tecniche di ripresa e la versione a risoluzione più alta.

Nebulosa Trifida (M20)

Dopo diverso tempo passato a riprendere con l’FSQ, mi è ritornata voglia di riprese a lunga focale; ho così rimesso in piedi il mio fido RC10 Truss della GSO e quest’estate ho ripreso la nebulosa Trifida (M20) in LRGB.

Come al solito trovate i dettagli della ripresa sul sito, che ora vi apparirà in veste rinnovata.

Ritorno sul (largo) campo!

Lo scorso fine settimana, approfittando del cielo sereno e del periodo di Luna Nuova, sono riuscito a utilizzare la mia atrezzatura da campo, che attualmente consiste nella fida QSI583 accoppiata la teleobiettivo Samyang 135/2.

Le ore notturne estive sono pochissime, per cui mi sono concentrato su un paio di zone della Via Lattea abbastanza luminose e letteralmente colme di oggetti molto interessanti.

La prima ripresa che ho elaborato è quella che vi presento oggi, si tratta di un campo a cavallo di ben tre costellazioni: Sagittario, Scudo e Aquila!

Come dicevo prima il campo è cosparso di oggetti notevoli; balzano immediatamente all’occhio le nebulose ad emissione M16 ed M17 (rosso-magenta) nella parte superiore del fotogramma e la “piccola” IC1284 nella parte inferiore destra. Non mancano diverse nebulose oscure come la B312, B311 e B92 e si fanno decisamente notare ben due bellissimi ammassi aperti: M25 e NGC6647.

Per essere “solo” 3 ore di posa sono decisamente soddisfatto. Come sempre cliccando sull’immagine verrete diretti al mio sito con i dettagli tecnici di ripresa e una versione a risoluzione più alta.

Integrated Flux Nebula

Questa regione della IFN si trova al margine occidentale della costellazione dell’Orsa Maggiore, ai confini con quella della Lince.

La Nebulosa a Flusso Integrato è un nebulosa situata ad alte latitudini galattiche e non è illuminata da una singola stella, ma da tutte le stelle della Galassia. E’ un soggetto abbastanza difficile da riprende e richiede molto tempo d’integrazione, nelle notti migliori.

Resto di supernova Simeis 147 (Sh2-240)

Dopo tanto tempo senza elaborare posso finalmente mostrarvi qualcosa di nuovo!

Questo resto di supernova si presenta sotto forma di delicatissimi filamenti, più densi nel lato sud-orientale e molto più rarefatta in quello occidentale; sono stati creati da un’antica supernova esplosa a circa 4800 anni luce dal Sole, sul Braccio di Perseo. Se le misure di distanza sono corrette, l’oggetto avrebbe una dimensione reale di ben 160 anni luce. La supernova sarebbe esplosa circa 40000 anni fa, lasciando verso l’angolo meridionale dell’oggetto una pulsar.

La ripresa è un mosaico di quattro pannelli; ogni pannello è una compositazione tra RGB e filtri Hα e OIII. Solo utilizzando filtri a banda stretta sono riuscito a isolare a rendere più contrastata la nebulosa; questo è il risultato.

Simeis 147

Come sempre le riprese sono state automatizzate con Astroscheduler.

Spero vi piaccia! Cieli sereni!

Resto di supernova CTA1

Anche noto come G 119.5+10.3, è un resto di supernova che si trova alle coordinate equatoriali (J2000) 0h 05m 56 +72° 56′ 32″, distante da noi circa 4500 a.l.

E’ risultato essere uno degli oggetti più difficili da elaborare per via del fitto campo stellare di fondo, che ha reso complicato lo stretch non lineare selettivo sul resto di supernova.

La ripresa è una compositazione tra RGB e filtri Halfa e OIII. Guardando il solo frame RGB si rilevavano infatti solo alcune deboli emissioni; solo utilizzando filtri a banda stretta sono riuscito a isolare a rendere più contrastata la nebulosa; questo è il risultato

Una veloce ricerca su Internet rivela che molte pubblcazioni scientifiche hanno avuto come obiettivo questa zona. Infatti in un articolo del 1997 (https://aip.scitation.org/doi/10.1063/1.54092) si annuncia la scoperta di una sorgente di raggi gamma nella direzione della supernova; nel 2008, il Fermi Gamma Ray Space Telescope (https://arxiv.org/abs/0810.3562) trova la pulsar responsabile dell’emissione gamma e probabilmente ciò che rimane della stella originante l’esplosione che tutt’oggi possiamo ammirare.

Nel campo, come una piccola gemma, si trova NGC40, una nebulosa planetaria (trovate sul mio sito un crop al 100% dell’area). La nebulosa si trova a 11750 a.l. da noi, collocandosi quindi molto più lontanto di CTA1.

Il suo diametro si aggira attorno all’anno luce e contiene al suo interno una nana bianca, fautrice della nebulosa, con temperatura superficiale di 90000°K; questa stella, insolitamente luminosa, ha le caratteristiche tipiche di una stella di Wolf-Rayet e con suo forte vento stellare interagisce con la nebulosa, deformandola fino a farle assumere una forma irregolare. Nel giro di qualche decina di millenni, la nebulosa si disperderà nel mezzo interstellare, lasciando libera la stella nana centrale, che si spegnerà anch’essa lentamente nello spazio.(https://it.wikipedia.org/wiki/NGC_40)

NGC2261 – La Nebulosa Variabile di Hubble

Questa nebulosa è famosa per le sue continue variazioni di forma e luminosità (da cui il nome); queste variabilità vennero scoperte su una serie di lastre fotografiche prodotte lungo alcuni anni verso la metà del Novecento da Carl Otto Lampland. Nel 1959, George Herbig notò che la stella centrale era in realtà una brillantissima e minuscola nebulosa di forma triangolare, che a sua volta conteneva una stella appena formata; fu questo il primo di una serie di oggetti simili scoperti in seguito. Si pensa che questo tipo di struttura possa essere esistito anche quattro miliardi di anni fa attorno al nostro Sole, durante la formazione dei pianeti.

La stella centrale della nebulosa è un realtà una stella doppia, formata da due componenti la più luminosa delle quali è circa 10 volte più grande del Sole; tuttavia la loro luce non è osservabile nella banda della luce visibile, ma solo negli infrarossi, a causa della densa nebulosità. Probabilmente il sistema è composto dunque da due stelle T Tauri, formatesi circa 300.000 anni fa.

La variabilità della nebulosa si pensa che possa essere invece dovuta al fatto che i filamenti di gas vengono espulsi dal disco proto-planetario in una forma a doppio cono, che seguono le linee del campo magnetico della stella, provocando così le variazioni osservabili (Testo adattato da Wikipedia).

L’acquisizione delle riprese è stata effettuata in modo automatico tramite AstroScheduler

NGC2261