Feather Touch Focuser per VC200L

Ieri ho sostituito con successo il focheggiatore originale Vixen del mio telescoio VC200L con quello della Starlight Instruments. Il focheggiatore, nonostante il suo costo, non è stato spedito con istruzioni per il montaggio ed ero un pò titubante all’idea di sventrare il VISAC: l’entusiasmo di vedere il focheggiatore  sostituito ha infine preso il sopravvento.

I passi da seguire sono i seguenti:

  • Svitare le tre viti che tengono il focheggiatore
  • Estrarre il focheggiatore facendo in modo che il tubo interno, dove risiede lo spianatore di campo non tocchi i bord interni della culatta, per non graffiare la superficie antiriflesso
  • Svitare il tubo antiriflesso contenente lo spianatore di campo ed avvitarlo sul nuovo focheggiatore
  • Avvitare il focheggiatore Starlight al posto del focheggiatore originale
  • Ricollimare il tutto, partendo dal focheggiatore, secondario ed infine primario. Giova fare questa operazione in casa con calma, con l’aiuto di un collimatore laser, per poi raffinare eventualmente la collimazione in campo.

In allegato le foto dei passi menzionati sopra

Prova di allineamento di frame

Ho provato ad allineare 4 frame di una mia ripresa di M42.
Quest è il procedimento utilizzato.
– ho convertito i RAW in TIFF a 16 bit senza nessun bilanciamento colore tramite il programma Canon DPP.
– i 4 frame tiff risultanti li ho allineati con 3 programmi diversi: IRIS, DSS e Registar. Lo scopo era di capire chi lavorasse meglio in termini di risultato visivo finale.
– La media è stata effettuata con Pixinsight LE per tutti i frame risultanti dall’allineamento.
– Ho selezionato una regione del frame uguale per tutti i 3 frame finali e l’ho ingrandita al 200%.

Vorrei vostre opinioni in merito. Ci tengo solo a commentare che:
– da quanto si vede Registar deve avere un baco di allineamento dei frame in quanto come potete vedere è l’unico che mi ha fornito stelle distorte
– IRIS e DSS apparirebbero a pari merito

Non solo soddisfazioni…

…a volte ci sono anche le delusioni e le irritazioni.

Sono andato a St.Barthelemy settimana scorsa per effettuare una sessione di due notti con il VISAC. Fin qui tutto bene tranne per il fatto che mi sono ritrovato completamente disorganizzato su molti punti di vista.

– Ho volutamente lasciato a casa l’FSQ. Male, ho avuto un problema di severa scollimazione al VISAC e quindi non ho potuto fare niente.

– Mi sono dimenticato a casa l’Aulin e mi e’ venuta la cervicalgia che mi ha costretto a ritornare a casa

– Avevo il collimatore laser, ma avevo dimenticato di comprare le pile e, guarda un po’, quella nel collimatore era scarica

Insomma, non me ne e’ andata bene una…speriamo almeno di aver imparato qualcosa per la prossima volta…

Sono stupefatto…

Ieri sera ho provato ancora a sommare delle riprese di M45 di venerdi’ 23/10. Il fondo cielo e’ semplicemente uniforme, il dithering e’ una cosa meravigliosa…pazzesco il guadagno S/R che si ottiene, ma quanto sono stato testardo a non volerlo fare prima. Beh, meglio tardi che mai…:-)

Uscita del 23 Ottobre 2009

Le previsioni meteo sembravano favorirmi per questo venerdì notte, anche se le immagini del METEOSAT non facevano presagire un cielo formidabile; oltretutto quando mi ero svegliato venerdì mattina era tutto grigio e nuvoloso e quindi le previsioni sembravano quasi una presa in giro. Ma tant’è, ho caricato tutto in auto e mi sono messo d’accordo con Stefano per andare su a Saint Barthèlemy.

Già dall’autostrada si può notare che il fronte delle nuvole aveva una fine e questo già mi aveva messo di buon umore. Il buon umore ha poi toccato letteralmente il cielo quando, entrando in VdA ho notato uno dei cieli più tersi che avessi mai visto da quelle parti. L’avevamo azzeccata giusta.

Arrivo e monto l’attrezzatura, volevo eseguire una ripresa di M33 col VISAC e fare qualche prova di inseguimento con MTO500, dopo aver collimato la bestia. La collimazione della bestia m’impiega più del dovuto ma alla fine riesco a domarla. Metto a fuoco e riprendo un paio di frame da 10 minuti su M33. Poi guardo il file e mi accorgo che le stelle sono pallonate ed i dettagli di M33 ci sono, ma sono molto confusi. Alzo gli occhi al cielo e mi rendo conto che Alpheratz, allora quasi allo zenith, tremola come una foglia, al che comincio a capire che forse non era la serata adatta per utilizzare il VISAC. Smonto il VISAC ed installo l’FSQ; riprendo per 3 ore le Pleiadi, poi avendo ancora poco più di 2 ore di tempo, tento la mitica Simeis 147. Stremato dalla stanchezza alle ore 7 vado a dormire felice per aver strappato un’altra buona notte al meteo.

Qualche nota a margine: SQM 21.1 (è peggiorato il cielo a Saint Barthelemy in un anno e mezzo?) e temperatura stabile sui +1°C.

Inoltre a partire dall 3:30 del mattino abbiamo assistito ad una minipioggia meteorica delle Orionidi, molto rapide e di colore prevalantemente azzurrino.

Per la Simeis 147: credo avrò bisogno d’integrare ulteriormente, magari complementando con delle riprese in H-alfa in quanto la nebulosa c’è, ma si stacca veramente poco dal fondo cielo, nonostante avessi utilizzato il filtro IDAS LPS2.

Dithering. Mai piu’ senza!

Me l’aveva detto Gimmi: “Quando comincerai ad usare il dithering ti prenderai a calci per non averlo usato prima!“.  Ed aveva ragione accidenti! In occasione dell’uscita a Saint Barthelemy di settimana scorsa ho ripreso M31 ed IC1848 effettuando il dithering manualmente, cambiando posizione della stella guida ogni 4 riprese.

Ieri sera ho quindi provato a sommare le riprese dopo aver eseguito la calibrazione e devo dire che il fondo del cielo mi ha lasciato stupefatto. Era pressoche’ uniforme! Non ci potevo credere, il rumore era stato drasticamente abbattuto e non c’era traccia di pattern noise.

Mai piu’ senza dithering, pero’…devo trovare il modo di eseguirlo in automatico, stare tutta la notte ad aspettare di spostare la stella guida invece di riposare non e’ il massimo.

Uscita del 16-18 Ottobre 2009

Sono andato a Saint Barthelemy (AO) per effettuare 2 nottate di riprese. Avevo intenzione di utilizzare l’FSQ la prima serata ed il VISAC la seconda, ma e’ risultato solo una pia intenzione.

La prima sera, in compagnia del buon Stefano,  montiamo l’attrezzatura fiduciosi che il tempo sarebbe stato bello. Ed invece le nuvole continuano a passarci sopra velocemente, pur permettendoci di osservare il cielo tra una nuvola e l’altra, praticamente prendendoci in giro. Aspettiamo che la Polare esca da dietro una nuvola e mettiamo in stazione gli strumenti. Ma niente da fare:  le nuvole continuano a passare e il vento si fa’ a raffiche, per cui le prove di autoguida che cerco di eseguire sono totalmente vanificate. Ad un certo punto, verso le 23, arrivano pure alcuni fiocchi di neve trasportati dal vento, che ci costringono a riparare l’attrezzatura ed andare a dormire. Ne approfitto per fare 4 chiacchere con altri astrofili e poi vado a dormire.

La sera successiva va decisamente meglio: cielo sereno per tutta la serata anche se non e’ il massimo per Saint Barthelemy, il picco di SQM e’ intorno alla magnitudine 21.1. Mi permette comunque di riprendere M31 in RGB+Halfa ed IC1848 in RGB, tutte e due con l’FSQ. Andiamo a letto esausti ma contenti intorno alle 6 del mattino. Stefano ha avuto un problema col PC, ma e’ riuscito comunque ad andare avanti lo stesso in quanto autoguidava con l’ST4.

Altra cosa da notare: e’ la prima volta che eseguo un dithering (manuale) in fase di ripresa, voglio vedere se si ha un effettivo guadagno sul rumore del fondo cielo. Devo inoltre cercare di capire se riesco ad utilizzare proficuamente maxim per l’autoguida e la ripresa.

Ah, dimenticavo: mi si sono rotti definitivamente i moon boot, devo comprarmene un paio nuovi.

Nuovo Blog

Ciao a tutti e benvenuti nel mio nuovo blog. Cerchero’ di renderlo il piu’ aggiornato possibile.

Qui vi parlero’ di cio’ che la visione delle immagini astronomiche sul mio sito non puo’ raccontare, vale a dire tutto quello che succede durante le mie sedute osservative, nonche’ le fasi d’elaborazione delle mie immagini.

SkyMonsters ripristinato e cambiato

Ciao a tutti!

il vecchio sito non e’ piu’ attivo, percio’ abbiate la cortesia di cambiare il lin precedente con quello nuovo: http://www.skymonsters.net

Cieli sereni!

New web site

SkyMonsters changes home. Now it moved to http://www.skymonsters.net

I hope you enjoy it!